Mercoledì, 25 gennaio 2023

I diritti delle donne in cammino e Passi di libertà

Due mostre in vista dell’8 marzo

Il nuovo spazio espositivo della Biblioteca di Ateneo – presso la Sede Centrale della Biblioteca di Ateneo di Milano-Bicocca (edificio U6, piazza dell’Ateneo Nuovo 1, Milano) – ospita due mostre che invitano a riflettere sui diritti acquisiti dalle donne italiane negli ultimi settant’anni.

Passi di libertà
Locandina Passi di libertà

Passi di libertà. Il cammino dei nostri primi 70 anniè una mostra che ripercorre – lungo una linea del tempo organizzata per decenni e parole chiave – le lotte e le conquiste dei diritti delle donne nell'Italia Repubblicana. I grandi pannelli riproducono fotografie e documenti provenienti prevalentemente dagli archivi dell'Unione donne italiane di Modena (UDI) conservati al Centro documentazione donna di Modena e dagli archivi dello Spi Cgil di Reggio Emilia e Cgil di Bologna.

La mostra, curata da Elena Falciano, Spi Cgil di Reggio Emilia e Caterina Liotti, Centro documentazione donna di Modena è promossa dal Coordinamento Donne SPI CGIL di Reggio Emilia e di Modena, unitamente al Coordinamento Donne SPI CGIL della Regione Emilia-Romagna e al Centro documentazione donna di Modena, in collaborazione con Fondazione Angelina Altobelli e CGIL Emilia-Romagna.

“La strada fatta e quella da fare verso la completa acquisizione da parte delle donne italiane dei loro diritti di cittadinanza quale contributo fondante della democrazia del Paese, questo vuole rappresentare la mostra “Passi di Libertà”. Una strada sempre in salita, tortuosa e faticosa, percorsa in questi 70 anni repubblicani verso un traguardo collettivo non ancora raggiunto, ma da svelare e consegnare in eredità alle giovani donne, affinché possano sentirsi finalmente libere di essere se stesse, superando stereotipi e ruoli sociali, e in generale alle nuove generazioni” scrivono le curatrici della mostra.

I diritti delle donne in cammino
Locandina I diritti delle donne in cammino

I diritti delle donne in cammino” è una mostra che raccoglie una selezione di circa cento libri della Biblioteca di Ateneo e di alcuni documenti del Polo di Archivio Storico, con l’intento di proporre una riflessione sull’evoluzione dei diritti delle donne, valorizzando il contributo che studiose e studiosi dell’Università di Milano-Bicocca hanno apportato nel corso degli anni per arricchire il dibattito su diversi temi.

La mostra è stata progettata e realizzata congiuntamente dalla Biblioteca di Ateneo, dal Centro Interdipartimentale per gli Studi di Genere ABCD e dal Comitato Unico di Garanzia (CUG) dell’Università di Milano-Bicocca.

Ciascuna area tematica della mostra richiama questioni significative per le conquiste dei diritti femminili e dei saperi femministi: 1. Donne Politica e Istituzioni; 2. Pari Opportunità e Disuguaglianze di genere; 3. Femminismo in Italia; 4. Donne Cittadinanze e Diritti; 5. Donne Lavoro e Carriere; 6. Donne Famiglie e Lavoro di Cura; 7. Donne Salute e Diritti Riproduttivi; 8. Donne e Violenza Domestica. A ciascuna area è stata assegnata una teca espositiva.

La mostra bibliografica segue con una logica narrativa il complesso tema dei diritti delle donne come passi in evoluzione – non necessariamente consequenziali né lineari - in continuo movimento e riaggiustamento riflessivo, di ricerca e conoscenza verso un orizzonte comune: il raggiungimento di pari libertà e opportunità spettanti a tutti gli esseri umani.

Le due mostre si possono visitare dal 26 gennaio al 9 marzo nei seguenti giorni e orari:

  • dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 22.00
  • il sabato dalle 9.00 alle 13.00